Skip to main content

Proviamo a rompere il ghiaccio, partendo da qui: finale a Finale! 


Ritorniamo per un momento indietro con la testa... di un anno e poco più.

Quattro birre fresche e un pezzo di focaccia, seduti davanti ad uno dei bar nei vicoletti di Finalborgo a vedere la finale dei mondiali 2018! 
Il tifo variegato e il ritardo di una trentina di secondi del “nostro” schermo rispetto alla diretta (mormorii e schiamazzi compresi) trasmessa nel bar della piazza centrale un centinaio di metri accanto… rendevano il tutto saporito il giusto.


inizio.jpg


Quella mattina Richy ed io avevamo ripercorso lo storico itinerario di arrampicata “Via col Vento, sulla Rocca di Perti. 

Ne avevo sentito parlare la prima volta lo scorso anno da una coppia di climbers locale, gentilissima, di quelle di cui ci si continua a ricordare con vero piacere. 

A fine giornata, insieme alle persone con cui stavo arrampicando, avevamo ricevuto un invito per un bicchiere di succo di sambuco –buonissimo, fatto dalla signora- offertoci nel giardino di casa sua. È così che iniziarono a raccontare di “Via col vento”, con un certo affetto: un signore ed una signora di mezza età, due amici di lunga data, incontrati alla base di una falesia li in zona. 

Una delle loro linee di calcare “di riferimento”, da quel che dicevano, che di tanto in tanto ripercorrevano con piacere. Un modo come un altro per rilassarsi e per condividere qualche attimo di silenzio o di chiacchiere fra amici, in cordata. Arrampicando, per poi affacciarsi dalla Rocca, verso il mare.


richi.jpg

Il loro racconto e l’incontro stesso mi avevano trasmesso un particolare fascino e curiosità.

È stata in qualche modo questa via, dopo averla salita la prima volta lo scorso maggio con due amici, a dare il “la” allo sviluppo di quello che qualche mese dopo inizierà a delinearsi in veste dell’omonimo progetto: “Viacolvento Experience” !


lo.jpg

Progetto che prova a presentarsi come la sintesi di passioni, competenze, studi e percorsi formativi vari. Tenta di coniugare la sfera psicologica/relazionale/ introspettiva e la sfera delle attività outdoor (in particolare le discipline, in chiave sportiva o ricreativa, legate all’ambito “montano” e al mondo della nautica… dall’arrampicata alla vela: passando attraverso la neve, il ghiaccio, un contesto più alpinistico, un percorso cicloturistico, l’acqua dolce o salata, il vento). 

- L’INTENZIONE è di mettere a disposizione una PIATTAFORMA ESPERIENZIALE: punto d’incontro e confronto, dalla quale poter delineare insieme idee e proposte personalizzate, basate su attività ricreative, fisiche, sportive, outdoor, in chiave di BENESSERE.

- Le 3 PAROLE CHIAVE… inclusione, prima di tutto; rivalutazione di un proprio limite (accettazione ed eventuale superamento); conoscenza e approfondimento delle potenzialità del territorio circostante.

- L’OBIETTIVO PRINCIPALE è di vivere un percorso e/o una singola esperienza... in maniera tale da risultare adeguatamente stimolante per ognuno, su misura, a partire dalle sensazioni che le attività e gli ambienti in cui saremo inseriti ci potranno offrire... con l’aiuto del rapporto d’intesa che può instaurarsi all’interno di una cordata – durante un’escursione o un’arrampicata - o fra i membri del tuo equipaggio, in barca.

Il tutto è reso possibile dalla Rete ViacolventoExperience: un team variegato di strutture e collaboratori tecnici (professionisti fra i quali guide alpine, skipper, maestri di sci, una guida cicloturistica, uno psicologo, un istruttore di arrampicata indoor, un tecnico video/foto).


tshirt.jpg



Persone amiche e competenti, specializzate nei diversi ambiti… che davvero ringraziamo per il loro interessamento, la loro attenzione e disponibilità!

"Rete" come occasione di confronto; di scambio professionale e relazionale; di connessione fra ambienti, strumenti, attitudini e sensazioni… cosí lontane, cosí vicine.

Un grandissimo aiuto è stato fornito anche da Pier che si sono occupati della costrizione del sito internet. Un Grazie a Manfredi per l’intuito e la capacità di sintesi nella creazione del logo. Grazie anche ad Alberto, Luca e Manu perché – anche se per certi aspetti in maniera più indiretta- hanno fornito tre personali contributi significativi alla base del tutto: un paio di fotografie (dalle quali è nato poi il logo) e il pay off -nonché il nostro motto- “no rain, no rainbow!!!”

Un Grazie, davvero, va anche a molti amici, famigliari e a tutte le persone con cui è capitato di confrontarci e che ci hanno dedicato un po’ di tempo per ascoltare e magari restituirci un loro punto di vista, un parere, un consiglio. Feedback che per noi sono stati molto importanti!
ViacolventoExperience inoltre trae ispirazione e allo stesso tempo viene dedicato ad uno zio, Angelo, e ad un amico, Beppe.


panorama.jpg


Dunque, ci siamo!! 

E lo scrivo un po’ emozionato..


Viacolvento, via cosí

      no rain, no rainbow !!!


      Riccardo e Lorenzo


viacolevento_logo_orizz